Categorie
Formazione operatori sanitari

L’ umanizzazione della terapia intensiva al congresso SIC

Umanizzazione della terapia intensiva: intervento al congresso della Società Italiana di Cardiologia

Sergio Calzari, infermiere di terapia intensiva presso l’Istituto Cardiocentro Ticino di Lugano e creatore del portale “postintensiva“, ha partecipato in qualità di relatore al congresso della Società Italiana di Cardiologia.

Ha parlato di due importanti strumenti di umanizzazione della terapia intensiva implementati al Cardiocentro Ticino, il diario narrativo ed il poster narrativo.

Qui sotto il video dell’intervento con le slide.

Categorie
Umanizzazione

Forum pazienti terapia intensiva

Forum di discussione per pazienti, famiglie e operatori

Il forum pazienti di terapia intensiva

Molto spesso, dopo un lungo ricovero in terapia intensiva, la persona deve affrontare un periodo di ripresa in cui possono presentarsi “nuove difficoltà”.

Queste nuove problematiche (oggi chiamate PICS), pur essendo molto comuni, non sono riconosciute come conseguenza del ricovero, quanto piuttosto come “nuove malattie”.

E’ esperienza comune, dopo un lungo periodo in un reparto di rianimazione soffrire di insonnia, avere difficoltà a concentrarsi, a muoversi, soffrire di ansia o avere un tono dell’umore molto depresso.

Ecco che allora chi ha già superato tutto questo può, raccontando la propria esperienza, aiutare quanti si trovano adesso in difficoltà.

La condivisione del vissuto di malattia diventa un regalo, che si fa a persone sconosciute, che magari vivono lontano, ma che leggendo il nostro racconto possono non sentirsi soli ed avere consigli su “come fare a…”

Vai al forum di postintensiva…

Categorie
Eventi

Convegno umanizzazione Brescia

Sabato 4 novembre 2023 ci sarà un importate convegno umanizzazione a Brescia.

L’evento si terrà nell’aula magna della Facoltà di Medicina di Brescia (Università degli Studi di Brescia – Viale Europa 11, Brescia).

Il tema è ovviamente l’ umanizzazione delle cure.

Il convegno ha come titolo “Accogli e ascolta, informa e spiega, educa e stai vicino, accompagna nelle cure“.

L’evento, organizzato dall’ordine dei medici di Brescia, dall’ Università degli Studi di Brescia, dall’associazione “Dall’altra parte” e da “Aprire Network”, vedrà relatori di primo ordine parlare di umanizzazione delle cure.

Verrà spiegato cosa significa umanizzare e come inserire l’umanizzazione nel percorso formativo degli operatori sanitari.

Durante il convegno umanizzazione di Brescia ci sarà la premiazione verranno delle due esperienze di umanizzazione vincitrici del bando “AIEA 2 – Accogli e ascolta, Informa e Spiega, Educa e stai vicino, accompagna nelle cure” per l’anno 2023.

La partecipazione è gratuita. Iscrizione obbligatoria con SPID o CIE sul sito www.ordinemedici.brescia.it (sezione “formazione” – eventi dell’ordine) fino al raggiungimento dei posti a disposizione.

Scarica la locandina dell’evento in formato pdf.

Per approfondire puoi visitare la sezione del blog sull’umanizzazione delle cure in terapia intensiva.

Categorie
Il diario paziente

Webinar “Il diario paziente di terapia intensiva”

Tre infermieri presentano il diario di terapia intensiva

Questo webinar sul diario paziente di terapia intensiva è stato trasmesso sul gruppo FB “Storie di terapia intensiva” il 20 ottobre 2023.

Sergio Calzari (terapia intensiva Cardiocentro Ticino), Sharon Musatti (terapia intensiva Ospedale San Giovanni di Bellinzona) e Claudia Maioli (Spedali Civili di Brescia) spiegano cos’è lo strumento diario paziente.

Claudia, infermiera nell’ambulatorio di follow up post terapia intensiva, racconta quali sono i problemi più comuni che chi lascia la terapia intensiva deve affrontare.

Sharon spiega cos’è il diario di terapia intensiva e come viene utilizzato.

Sergio illustra i risultati di uno studio qualitativo in cui si è indagato come i pazienti hanno vissuto la lettura del diario.

Categorie
Il diario paziente

Diario di terapia intensiva: uno studio qualitativo

The intensive care unit diary as a valuable care tool: a qualitative study of patients’ experiences

Questo studio qualitativo sul diario paziente di terapia intensiva e pubblicato sulla prestigiosa rivista “Intensive and Critical Care Nursing” è stato condotto da un gruppo di infermieri dell’Istituto Cardiocentro Ticino di Lugano.

Lo studio, condotto utilizzando interviste semi strutturate, ha come scopo principale di indagare il vissuto relativo alla lettura del diario paziente, redatto quando la persona intervistata si trovava ricoverata nel reparto di terapia intensiva.

Qui sotto i link per accedere all’abstract:

https://authors.elsevier.com/a/1hv1X3RG-MeT%7EZ

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/37826962/

Categorie
Eventi

Il diario paziente di terapia intensiva

Diretta Facebook : “il diario paziente di terapia intensiva”

Durante il webinar di parlerà del diario di terapia intensiva, uno strumento tanto efficace quanto poco conosciuto.

Attraverso la scrittura del diario paziente di terapia intensiva da parte di curanti e familiari, i pazienti possono comprendere meglio quanto accaduto loro e possono dare un senso al loro cambiamento di vita.

Durante il webinar verrà spiegato cosa comporta essere ricoverato in un reparto di terapia intensiva e quali problematiche molte persone vivono una volta tornate a casa. Si parlerà della PICS (Post Intensive Care Syndrome) e di ABCDEF e delle raccomandazioni sull’uso del diario.

Verranno inoltre riportati i vissuti degli ex pazienti che hanno beneficiato dello strumento diario mentre erano ricoverati in terapia intensiva attraverso uno studio qualitativo in via di pubblicazione.

Interverranno:

Sergio Calzari: infermiere di terapia intensiva Istituto Cardiocentro Ticino (Lugano) e creatore di Postintensiva

Sharon Musatti: infermiera di terapia intensiva Ospedale Beata Vergine di Bellnzona

Claudia Maioli: infermiera ambulatorio follow up post terapia intensiva Spedali Civili di Brescia

Il webinar verrà trasmetto in diretta sul gruppo Facebook “Storie di terapia intensiva

QUANDO: venerdi’ 20 ottobre 2023

A CHI E’ RIVOLTO: aperto a tutti, ma principalmente rivolto a infermieri di terapia intensiva

COSTO: evento gratuito

COME PARECIPARE: Per seguire il webinar è sufficiente collegarsi alla pagina facebook “Storie di terapia intensiva” cliccando il seguente link

Categorie
Il diario paziente

I diari di terapia intensiva

I diari di terapia intensiva: pagine bianche di memoria

La rivista San Francesco, mensile della comunità conventuale francescana di Assisi, ha dedicato nel numero di giugno 2023, un articolo sui diari di terapia intensiva.

L’articolo spiega molto bene cos’è il diario paziente e quali sono i benefici per i pazienti che, lasciata la terapia intensiva, devono fare i conti con problematiche di tipo fisico, psicologico e cognitivo. Problematiche che vanno sotto il nome di PICS: “sindrome da post terapia intensiva”.

Viene presentata l’esperienza del diario nella terapia intensiva dell’Istituto Cardiocentro Ticino e di come, parallelamente sia nato il portale postintensiva, divenuto progetto.

clicca sull’immagine per scaricare l’articolo in formato pdf
Categorie
Tesi e letteratura

Linee guida PICS e bundle di prevenzione

Linee guida PICS e umanizzazione delle cure in terapia intensiva

Le importantissime linee guida PICS….Pubblichiamo qui, con molto piacere, la tesi di laurea di Nicoletta Barone. Nicoletta ha conseguito la laurea in infermieristica presso l’Università degli Studi di Catania.

Nella sua tesi Nicoletta affronta il tema della PICS (Post Intensive Care Syndrome) della Society of Critical Care Medicine da mettere in atto mentre il paziente è ricoverato.

Nella tesi è presente una sezione dedicata ai follow up che andrebbero eseguiti una volta che la persona viene dimessa dopo una degenza prolungata.

Affronta poi il tema dell’umanizzazione delle cure in terapia intensiva presentando i vari strumenti che dovrebbero essere adottati in tutte le terapie intensive.

Strumenti semplici (diario paziente, poster narrativo, ecc.) ed economici , ma che possono avere un importante impatto sulla qualità di vita delle persone che lasciano la terapia intensiva dopo una malattia acuta.

Linee guida PICS
Clicca sull’immagine per leggere il documento…
Categorie
Il diario paziente

I diari paziente al Cardiocentro Ticino di Lugano

“Risvegli”: puntata del podcast Storie di Rinascita di Radio24 sui diari paziente

A Radio24 si è parlato dei diari paziente il 9 marzo 2023 durante il programma “Storie di Rinascita”.

Durante la puntata, intitolata “Risvegli”, Matteo Caccia, conduttore di Radio24, ha raccontato la storia del progetto diari paziente, implementato nella terapia intensiva del Cardiocentro Ticino di Lugano.

Il conduttore ha letto la storia inviata da Sergio, infermiere di terapia intensiva, che racconta come sono stati creati i diari per i pazienti in coma nell’ospedale elvetico.

Viene raccontato cosa pensano i pazienti che hanno beneficiato del diario e quali sono state le difficoltà incontrate per implementare questo strumento.

Nella seconda parte della puntata il conduttore legge uno stralcio del libro “Risvegli” (da qui il nome della puntata) di Oliver Sack, medico che somministrò la L-dopa ai suoi malati di encefalite letargica ed assistette al risveglio di molti di loro.

Ascolta la puntata “Risvegli”…

Storie di Rinascita, Risvegli.

Vai alla sezione “il diario paziente”


Categorie
Umanizzazione

Medicina narrativa e poster narrativo in terapia intensiva

Medicina narrativa: utilizzo del poster narrativo come strumento di umanizzazione delle cure

La medicina narrativa si occupa anche delle persone colpite da un grave malattia, tale da necessitare un ricovero in una terapia intensiva.

Queste persone si ritrovano per definizione, in una condizione di fragilità: fragilità di organi e di apparati. La persona viene quindi catapultata in un “mondo parallelo”, quello della terapia intensiva, fatto di cavi, monitoraggi, suoni di allarmi.

Un mondo molto spesso fatto di “nudità” (o quasi nudità) che permette anche ad un occhio eventualmente distratto, di accorgersi della condizione di fragilità e di estrema vulnerabilità cui la persona si ritrova.

Proviamo ora a pensare di essere i curanti di quella persona… Di arrivare al mattino e di ritrovare un corpo semi nudo in un letto, con un tubo che esce dalla bocca e con molti altri cavi e fili.

Un corpo che non risponde, non esegue quanto richiesto, non interagisce con noi; magari con i muscoli paralizzati da un curaro. Immaginiamo di dover “gestire” le funzioni vitali di quel corpo, di doverlo lavare, sistemare, muovere, spostare…

Disumanizzare

Il rischio di queste situazioni, per noi curanti, è di non riuscire più a vedere oltre quel corpo. Rischiamo di annichilire la fragilità umana equiparandola alla fragilità di organi e apparati.

E le varie fragilità di organi e apparati hanno vari nomi; si chiamano insufficienza respiratoria, epatica, cardiaca, carcinoma del colon, aneurisma dell’aorta… E cosi’ il sig. Mauro diventa l’ insufficienza respiratoria al letto 1, oppure il covid al letto 5 o l’infarto anteriore del letto 2.

Nel mondo anglosassone hanno compreso che con pochi strumenti, semplici, facili da usare e che non richiedono risorse aggiuntive, è possibile umanizzare le cure nei reparti di terapia intensiva consentendo ai curanti di rimettere la persona al centro della cura e permettendo di restituire il nome proprio di persona a quei corpi immobili e così dipendenti da tutto.

Mi chiedo come mai in Italia le terapie intensive siano ancora così poco accessibili e si dia, alle volte, così poca importanza ai vari aspetti di umanizzazione delle cure.

Get to know me board

Uno degli strumenti di medicina narrativa (forse “non convenzionale”) molto utilizzati nei paesi anglosassoni e, neanche a dirlo, e così poco usato nelle terapie intensive italiane, è quello che in inglese chiamano “get to know me board” o il poster “all about me”.

Non avendo trovato un traduzione in lingua italiana, lo abbiamo battezzato “poster narrativo”, considerandolo a tutti gli effetti uno strumento di nursing narrativo.

Si tratta di un semplicissimo poster che viene proposto e compilato dai familiari della persona ricoverata e che contiene informazioni riguardo la vita della persona stessa. Vengono annotate informazioni quali l’attività lavorativa, gli hobbies, gli interessi personali (letture, film, sport preferiti), ecc.

Il poster narrativo viene poi appeso al posto letto. In questo modo i curanti che si alternano possono conoscere qualcosa della persona.

Come medicina narrativa e poster narrativo restituiscono dignità

Ecco che “l’insufficienza respiratoria” del letto 3, paziente sedato e curarizzato, torna ad essere il sig. Mauro, impiegato di banca, appassionato di calcio e che ama passeggiare in montagna; ha due figli e possiede un pastore tedesco di nome Arturo che lo accompagna ovunque.

Superata la fase acuta i curanti possono poi personalizzare l’assistenza al sig. Mauro, che rifiuta il cibo, proponendo gelati alla vaniglia e facendogli ascoltare la sua musica preferita.

Nei momenti in cui il sig. Mauro è delirante e con coscienza alterata gli viene chiesto di raccontare di Arturo, il cane pastore tedesco e dei due figli che lo attendono a casa.

Il portale postintensiva.it ha creato una versione del poster narrativo che viene messo a disposizione gratuitamente per quanti volessero implementare (o inizialmente solo provare ad usare) questo semplice strumento nel proprio reparto di rianimazione. La versione proposta è già pronta per essere stampata (possibilmente in formato a A3).

Restiamo fiduciosi che i vari strumenti di umanizzazione della terapia intensiva possano essere sempre più diffusi ed utilizzati nelle terapie intensive italiane.

Immagine poster narrativo
cliccare sull’immagine per scaricare il file del poster in formato pdf